Risotto al radicchio rosso

Signore e signori è ora di un piatto tipico veneto: il risotto al radicchio rosso tardivo di Treviso, quello a foglia lunga e sottile, con la punta rossa e il cuore chiaro, croccante e dal gusto amarognolo. Proprio come le storie di cui vi parliamo oggi, che ci lasceranno un retrogusto amaro in bocca. Ma prima la ricetta del risotto al radicchio.

Ingredienti
per 2 persone
160 gr di riso Arborio
1 scalogno
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cespo di radicchio rosso tardivo di Treviso
1/2 bicchiere di vino rosso
brodo vegetale

Preparazione (30 minuti)
Tagliare lo scalogno sottilissimo e scaldarlo con un filo di olio.
Lavare il radicchio, tagliare in quarti e poi a listarelle di 1-2 cm.
Cuocere il radicchio nello scalogno dorato finchè non diventa morbido e scuro.
Aggiungere il riso e tostarlo per alcuni minuti. Secondo me la varietà migliore per il risotto è il riso Arborio.
Versare mezzo bicchiere di vino rosso, ci vuole un vino corposo, e fare sfumare.
Versare, all’inizio poco alla volta, il brodo vegetale bollente, quindi coprire tutto il riso con il brodo e lasciare cuocere dolcemente per una ventina di minuti. Mescolate di tanto in tanto, in modo che non si attacchi.
Servire il risotto con una spolverata di pepe macinato fresco.

Note sul radicchio rosso di Treviso

Il radicchio rosso tardivo di Treviso ha il marchio IGP, indicazione geografica protetta, viene raccolto da novembre dopo che il terreno ha subito almeno un paio di gelate.

radicchio rosso tardivo di treviso

La storia
Signore e signori di Pietro Germi, vinse il Grand Prix al Festival di Cannes nel 1966, per il miglior film.
Nel film sono raccontate tre storie di corna ambientate nella cattolicissima Treviso, dove i tradimenti sono accettati come la regola, ma celati dietro una facciata di perbenismo, coltivata con una ferocia devastante.
Spero lo abbiate già visto… in caso contrario cercate di provvedere al più presto!

  •  
  •  
  •  
  •  


Il tuo parere è importante! Vota questo articolo: 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *