Tortino di piselli

Una ricetta molto facile e veloce: un tortino con piselli da portare a un pic-nic, al lavoro nella schiscetta*, per un pranzo da amici, ma anche a casa tua quando ti pare eh, che si mangia volentieri anche il giorno dopo.

Ingredienti

1 porro
500 g di piselli
3 uova
1 pizzico di noce moscata
foglie di menta fresca
1 manciata di pinoli
olio extravergine

Preparazione

Tempo: 1h
Togliere le foglie esterne del porro, lavare e tagliare a rondelle.
Mettere il porro in un tegame con un filo di olio extravergine, cuocere finché non diventa morbido.
Aggiungere i piselli sgusciati, mezzo bicchiere di acqua o vino bianco e cuocere coperto per mezz’ora, alla fine regolare di sale.
In una terrina sbattere le uova con un pizzico di sale e uno di noce moscata in polvere, aggiungere delle foglie di menta spezzettate e una manciata di pinoli.
Rivestire uno stampo da forno con carta da forno.
Versare i piselli nelle uova sbattute, amalgamare bene, delicatamente.
Versare la crema di uova con piselli nello stampo e cuocere in forno a 180 gradi per 30 minuti.
Sfornare il tortino di piselli e guarnire con un po’ di pinoli.

Note
Schiscetta è un termine milanese, nato negli anni ’60 quando tute blu e impiegati mangiavano sul posto di lavoro portandosi “qualcosa” da casa. Mettevano tutto in un contenitore di metallo, spesso “schiacciando” in strati – da qui viene il nome – il risotto giallo e la classica cotoletta o le verdure.
(definizione dal libro “Schiscetta perfetta” di A.Vannicelli)
La schiscetta è tornata di moda: se anche la vostra mensa offre inquietanti piatti di pasta al ragù, lasagne al ragù, torte salate con verdure fritte o pasta grondante di panna e altri liquidi, conviene portare del cibo “sano” da casa, come questo tortino con i piselli, e consumarlo sul prato davanti all’ufficio, magari sognando che oltre la sommità della leggera collina ci sia un laghetto con papere e cigni.

Hai trovato utile questo articolo? Esprimi qui il tuo voto.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (0 voti)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *