Ricette e spunti di cucina leggendo Jalna

Condividi questo articolo con i tuoi amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Jalna è una tenuta nell’Ontario in Canada dove è ambientata la saga della famiglia Whiteoak, è anche il titolo del primo volume della serie, una lunghissima serie di ben 16 volumi, della scrittrice Mazo de la Roche pubblicato nel 1927. Nonostante ci troviamo nel nord America il cibo che passa nelle pagine di questo romanzo rivela pienamente le origini anglosassoni della famiglia Whiteoak.

Il porridge

Devo dire grazie a questo romanzo per aver imparato a preparare la pappa d’avena o porridge, piatto tipico della colazione inglese. Qui troviamo il monello Wakefield, il più piccolo degli Whiteoak che fa dannare il domestico Rugs.

Si appostò in cima alle scale della cucina e ascoltò. Dal seminterrato giungeva tutto un tintinnare di pentole. Rugs stava raschiando il fondo di una casseruola. Brutto schifoso, porridge incrostato! Sentì il rumore dei passi di Rugs che si avvicinava alle scale e con passo leggero corse a nascondersi nel guardaroba in corridoio, lasciando un piccolo spiraglio per osservare i movimenti del cameriere, che entrò in soggiorno tenendo il piatto di porridge pericolosamente inclinato. Aveva una sigaretta accesa tra le labbra esangui, Wakefield pensò senza amarezza che il domestico non avrebbe mai osato servire un altro membro della famiglia con altrettanta trasandatezza. Con un sorrisetto scaltro scese le scale, lasciando Rugs da solo con il piatto di porridge in sala da pranzo.

Il boccone del prete

La nonna, la matriarca di Jalna, ha 99 anni ed è una tiranna. Ha un pappagallo che bestemmia e la cuffietta con i nastri, spesso di traverso.

“Piano, mamma, piano”, la implorò Ernest, aiutandola a superare una sedia con lo schienale, intagliata in modo assai elaborato. ” Voglio mangiare “, lo rimbecco lei, con il respiro pesante. “Pollo. Sento pollo arrosto. E cavolfiore. Voglio il Boccone del Prete e abbondante besciamella“.

Perché si dice “il boccone del prete”? Per il prete si riservava sempre la parte migliore del piatto da cui questa espressione.

Uvette al brandy per Natale

A Natale la famiglia Whiteoak si riunisce e c’è questa bella scena del vassoio di uvette in fiamme per via del Brandy.

Rags, con un’espressione da chierichetto esaltato, portò un vassoio di uvette inzuppate di Brandy flambé … il vassoio con le uvette fu collocato al centro del tavolo. Le fiamme azzurri si contorcevano e palpitavano, vibrando e increspandosi veloci prima di spegnersi. I commensali tendevano le mani, illuminate dal bagliore metallico, per afferrare le uvette infuocate.

Gli scone con le prime fragole

Meg è la sorella zitella dei Whiteoak che affoga nel cibo le sue delusioni d’amore, per lei gli scone con fragole e panna, voluttuosi.

Miss Whiteoak sbirciò sotto il tovagliolo e vide un piatto di scone appena sfornati, una ciotola di fragole mature e un bricco di panna densa proprio come piaceva a lei per accompagnare le fragole e gli scone. Sorrise e posò il vassoio sul tavolo che stava in mezzo alla stanzetta spoglia e dal soffitto basso.

Colazione con porridge e Jalna

I brani in questo articolo sono tratti da Jalna di Mazo de la Roche.

Questo articolo fa parte delle mie Ricette letterarie

Il tuo parere è importante!
Vota questo articolo: 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Non perderti le ultime ricette e novità, direttamente nella tua casella email!

No Spam, puoi cancellarti quando vuoi.