Risi e bisi

Risi e bisi è un piatto tipico di Padova, uno dei piatti più conosciuti della cucina veneta. La tradizione vuole che sia preparato con i piselli della prima raccolta, quelli più teneri e dolci.
Questo antico piatto della Serenissima Repubblica di Venezia veniva tradizionalmente offerto ogni anno al Doge il 25 aprile, nella ricorrenza del patrono di S.Marco.

Ingredienti

per 4 persone
300 g di riso (carnaroli, arborio o vialone nano)
1 kg di piselli con il bacello
1 carota, 1 cipolla, 1 scalogno
brodo vegetale
1 cucchiaio di semi di finocchio chiusi in un sacchetto di garza
1 ciuffo di prezzemolo
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
50 g di burro
grana grattugiato
sale e pepe

Preparazione

Sgranate i piselli e mettete i bacelli in una pentola con la carota, la cipolla, il sacchetto con i semi di finocchio e coprire con il brodo. Cuocere per un’ora a fiamma bassa, mescolando ogni tanto.

Eliminare carota, cipolla e sacchetto degli odori, prelevare i baccelli e passarli nel passaverdura, quindi versare di nuovo nel brodo. Lessare i piselli in poco brodo, quando saranno teneri scolateli e unire il brodo di cottura a quello con i bacelli.

Aggiungere il prezzemolo tritato, regolare di sale e portare a cottura il riso, mantenendolo morbido e sempre coperto dal brodo verde.

A cottura del riso che dovrà risultare brodoso, circa 20 minuti, spegnete la fiamma e mantecate con il grana, il burro e una spolverata di pepe nero.

Leggi anche:
Ricette venete

  •  
  •  
  •  
  •  


Il tuo parere è importante! Vota questo articolo: 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, voto medio: 2,00 su 5)

Loading...

2 pensieri riguardo “Risi e bisi

  • 6 Settembre 2016 in 18:14
    Permalink

    Peccato che la descrizione non sia scritta in italiano, ma in un linguaggio incomprensibile per un comune
    mortale: non si capisce nulla su che cosa si debba fare a questi poveri piselli !

    Risposta
    • 7 Settembre 2016 in 09:58
      Permalink

      Ah non è italiano! Comunque li devi uccidere i piselli, chiaro?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Antispam to reduce spam. Learn how your comment data is processed.