Castraure di Sant’Erasmo in carpaccio

Ricetta facilissima a crudo per preparare le castraure di Sant’Erasmo, i primi carciofi della stagione dall’isola della laguna di Venezia che è l’orto della Serenissima. Si tratta di una delizia primaverile, di solito si mangia in aprile, nel periodo di Pasqua e si prepara come antipasto.

La ricetta

Ingredienti: 4-5 castraure (carciofi in boccio), sale, pepe, olio extravergine di oliva, succo di limone.

Togliere le foglie esterne e il gambo del carciofo, togliere le prime foglioline dal carciofo ma proprio un paio, tagliare la punta del carciofo di mezzo centimetro. Immergere il bocciolo di carciofo in acqua dove avete messo qualche goccia di succo di limone.

Prelevare il carciofo, asciugare leggermente con un canovaccio di cotone pulito e con un coltello “pesante” tagliare a rondelle molto sottili.

Raccogliere le rondelle di carciofo in un piatto, spruzzare con il succo di mezzo limone, versare sopra un pizzico di sale, spolverare di pepe e infine un giro abbondante di olio extravergine di oliva, quello buono.

Fare riposare per mezz’ora prima di servire le castraure di Sant’Erasmo in carpaccio.

Coltivazione di carciofi a Sant’Erasmo

L’isola di sant’Erasmo, piccolo isolotto nella laguna veneziana, è considerata l’orto dei veneziani, ci sono aziende agricole che coltivano i rinomati carciofi ma anche la vite per la produzione di vino.

Visualizzazioni 140 / oggi 1
Condividi questo articolo con i tuoi amici

Il tuo parere è importante!
Vota questo articolo: 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *