Pane bianco fritto ne L’età del ferro di Coetzee

Ogni giorno esce a fare la spesa. Alla sera cucina, poi rimane curvo accanto a me, per accertarsi che mangi. Non ho mai fame ma non ho cuore di dirglielo. – Non riesco a mangiare se mi guarda – ho detto molto gentilmente, poi ho nascosto il cibo e l’ho dato al cane.
La sua specialità è pane bianco fritto nell’uovo, guarnito con tonno e salsa di pomodoro. Mi pento di non aver avuto la lungimiranza di dargli lezioni di cucina.

L’età del ferro, J.M. Coetzee
1986-89

La casa dell’anziana signora Curren dove vive da sola con i suoi gatti è diventata un rifugio, prima per il senzatetto ubriacone Vercueil e il suo cane, poi per il figlio della domestica e il suo compagno di giochi. I fatti violenti che coinvolgono i due ragazzi incrinano definitivamente le convinzioni sociali e politiche sul Sud Africa della signora Curren, questo accade mentre scrive il suo commiato alla vita in forma di testamento epistolare alla amata figlia che è emigrata negli Stati Uniti. Sarà il reietto signor Vercueil a prendersi cura della vecchia professoressa di latino, malata di cancro.

Questo è il secondo romanzo di J.M.Coetzee che leggo, il primo è stato Vergogna. Il protagonista e io narrante del romanzo è ancora un insegnante universitario, ma non è un privilegiato bensì un custode di una cultura lontanissima e antica, i classici latini!, che si trova in una realtà dove è circondato dagli emarginati e dalla povertà, sullo sfondo un regime violento e oppressivo. Un occhio di riguardo per gli animali, fedele compagno dell’uomo il cane, di cui la signora cerca il tepore prima di dormire. Qui c’è un rapporto madre-figlia con la figlia che si è allontanata definitivamente dalla madre e dalla sua patria emigrando, mettendo su famiglia in America, e con la madre soffre la lontananza di un legame vitale interrotto.

La signora Curren ogni tanto apre il frigorifero e prepara dei panini per sfamare i suoi ospiti, ma non ha tanta voglia ed energia per preparare qualcosa di più invitante, la sua cucina è fredda e spenta come la sua vita che si sta spegnendo.

Bello e aspro romanzo di J.M.Coetzee, a fine anni 80 il Sud Africa non era un posto molto ospitale e civile.

Foto di copertina: pane bianco nei Tramezzini veloci con il salmone affumicato

Visualizzazioni 15 / oggi 1
Condividi questo articolo con i tuoi amici

Il tuo parere è importante!
Vota questo articolo: 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *